Rete Solidale

La Rete solidale è un’iniziativa promossa da cittadini e gruppi di Mantova per aiutare gli abitanti della Bassa mantovana e dell’Emilia colpiti dal terremoto. Questa pagina raccoglierà i progressi della Rete solidale e le sue iniziative.

.:::: ULTIMO AGGIORNAMENTO: DOMENICA 10 LUGLIO ::::.

Rete Solidale – Appunti di un mese di attività

  • Mercoledì 27 giugno

Dopo le consegne effetuate negli scorsi giorni a Cavezzo e Fossoli, il centro di raccolta della Rete Solidale torna in attività, questa volta per raccogliere materiali destinati ai campi di Medolla, Sant’Antonio in Mercadello e San Felice. Il magazzino, sempre in via Bettinelli 12a (zona stazione) sarà aperto dalle 17:00 alle 20:00 venerdì 29 giugno. Ecco la lista del materiale richiesto dai campi:

  • Domenica 24 giugno

Vivere in prima persona le esperienze e non per sentito dire.

Ore 18:00. Dopo aver caricato completamente due macchine di materiale e cibo si parte dal magazzino di via Bettinelli in direzione Fossoli. Nel campo da calcio del Centro Sportivo alcune famiglie hanno piantato le tende dopo le forti scosse del 29 Maggio. In queste zone la Protezione Civile non è mai arrivata. Sono arrivate invece le Brigate di solidarietà Attiva che han messo su un campo completamente autonomo e gestito dal basso in collaborazione diretta con i cittadini sfollati. Qui abbiamo scaricato principalmente scatolame e acqua. Una macchina è quindi proseguita per Cavezzo per raggiungere il centro smistamento delle B.S.A. In queste zone diversi sono i campi disseminati qua e la nei giardini pubblici e altrettanto numerose sono le palazzine e le case completamente rase al suolo dal sisma. Il magazzino di Cavezzo (dove abbiamo scaricato cibo per bambini, pasta, scatolame, materiale per l’igiene, asciugamani e acqua) serve anche come punto di rifornimento per la “volante rossa”, i giri di monitoraggio che i militanti fanno ogni giorno tra i paesi della zona per raggiungere chi non ha ancora alcun servizio. Attenzione: questo non è assistenzialismo, ma l’opposto. Perché dove la solidarietà e gli aiuti sono paritetici, dove i campi si organizzano a misura d’uomo e con il giusto spazio per le diversità, si creano luoghi in cui si fa da sé ma si fa per tutti. Le esperienze di Fossoli, Cavezzo, etc., ci fanno comprendere il valore dell’autodeterminazione, il senso delle relazioni di socialità e cooperazione come risorsa e processo, una ricchezza che si crea qui ed ora ma che potrà valere ancora, anche al di là dell’emergenza terremoto.

  • Venerdì 22 giugno

Il libero campo di Fossoli

L’ultima settimana è stata caratterizzata dal lento scemare dell’emergenza nel mantovano: i campi più periferici sono stati chiusi e gli sfollati rimasti sono stati accolti nei campi maggiori (a Moglia e San Giacomo delle Segnate). A Pegognaga, con la chiusura del campo si è conclusa l’attività del collettivo Luna Storta impegnato nell’animazione dei bambini. Con il normalizzarsi della situazione nella bassa mantovana, la Rete Solidale sta spostando il proprio impegno nelle zone del modenese e dell’emiliano colpite dal sisma. In particolare domani mattina diverse macchine partiranno dal “magazzino” di via Bettinelli per portare aiuti ai campi di Carpi, Fossoli e Cavezzo dove la popolazione con l’aiuto delle Brigate di Solidarietà attiva stanno gestendo in modo autorganizzato e orizzontale l’emergenza. Inoltre, in collaborazione con la LAV, è stato consegnato nuovo materiale al canile di Mirandola.

Per info: informati.mantova@gmail.com

  • Giovedì 14 giugno

Continua il lavoro della rete solidale: l’altra sera abbiamo portato aiuti al centro di raccolta di Poggio Rusco. La situazione in paese è di grande apprensione ma i danni più consistenti li ha riportati il centro storico. Al campo sfollati del comune e della protezione civile ci sono ancora numerose tende mentre qua e là nei quartieri spuntano mini-campi improvvisati; domina la paura che non fa rientrare le persone nelle case.

Nei prossimi giorni saranno dismessi diversi campi nel mantovano: una situazione in cui si tenta lentamente di tornare alla normalità ma che non deve lasciare “indietro” nessuno; diciamo questo anche perché nel frattempo, a pochi chilometri da noi, in Emilia si vietano i campeggi (Correggio) o si blindano pesantemente i campi ufficiali (Finale Emilia, Cavezzo etc.) scoraggiando esperienze di solidarietà autogestite.

Il nostro piccolo contributo continua nelle aperture del magazzino, che al momento è ben fornito e teniamo chiuso in attesa di nuove richieste, nelle consegne che dalla settimana prossima effettueremo anche nei campi di Cavezzo, Fossoli etc. e in un lavoro sociale che va dall’aiuto nei campi (specialmente in ambito sociale e ricreativo) al monitoraggio. In questa fase di emergenza le tensioni sociali sono a rischio: mentre fioccano leggende metropolitante sulle “paste di ragù rifiutate”è bene guardare a cosa succede realmente nei campi per accorgersi di come le “minoranze” diventano “maggioranze” in questo nuovo ordine basato sul disastro. Ci sono situazioni in cui anche una semplice litigata tra bambini per un pallone si riversa sui genitori, magari di nazionalità diverse, dando luogo a scontri accesi: situazioni banali che possono diventare incendiarie nel momento sbagliato e, magari, alla presenza del politicante in preda a deliri securitari. In quest’ottica produrremo materiali, appoggiandoci anche al lavoro di Art. 3, in modo da fornire una narrazione lucida di quanto succede nei campi.

  • Sabato 11 giugno

Domani (martedì 12 giugno)  una nuova apertura del “magazzino” ospitato nella sede di Rifondazione in Via Bettinelli, 12 a Mantova ( zona stazione). Il punto di raccolta sarà aperto dalle 16 alle 19: una volta chiuso smisteremo i materiali e partiremo per una nuova spedizione verso i campi della bassa; di seguito una lista ampia di materiali richiesti.

Siamo inoltre in apprensione per le notizie che parlano di una rapida “dismissione” dei campi: il ritorno alla normalità è un obiettivo primario, ma prima servono le condizioni materiali (case agibili e supporto psicologico) ed economiche (ripresa del lavoro e in sicurezza / fondi straordinari) per ricominciare.

CIBO:

– minibrick con succo di frutta o the freddo

– crackers

– merendine

– tonno, mais, fagioli, piselli e scatolame vario

– alimenti per celiaci

– omogeneizzati

-biscotti

MATERIALI PER L’IGIENE E LA PULIZIA

– autan, off, o altri antizanzare

– salviette umidificate

– creme solari ad alta protezione

– alcol

– detersivo lavatrice e ammorbidente

– gel igienizzante mani (tipo amuchina)

– asciugamani

– spazzole

– guanti

– schiuma da barba

– pettini

– forbici

VESTIARIO: 

– ciabatte da doccia

ALTRI MATERIALI:

– tende

– torce elettriche (e rispettive batterie)

– materassini gonfiabili da campeggio

– cancelleria (colori, fogli vari, pennelli, tempere, pastelli, matite, ecc)

– Fumetti

– spugne

– gazebo

  • Sabato 9 giugno

Anche ieri (venerdì) è proseguito il lavoro della Rete Solidale: in città il “magazzino” in via Bettinelli ha visto un altro proficuo

Giochi e animazione con i bambini del campo

pomeriggio di raccolta materiali che da lunedì verranno consegnati ai campi della bassa mantovana (in particolare Quistello, Gonzaga, Moglia) e a Cavezzo. Inoltre è stato portato anche un contributo “umano” al campo di Pegognaga. Il nodo di San Benedetto Po della Rete, il collettivo giovanile Luna Storta, da ieri mattina ha infatti iniziato a a svolgere servizio volontario per l’intrattenimento dei bambini e delle bambine del campo. A partire da oggi (sabato), il Collettivo animerà i loro pomeriggi e alcune serate attraverso attività didattiche, escursioni e laboratori fino alla chiusura del campo prevista per la fine della prossima settimana. Un lavoro che si affianca a quello degli educatori della zona che da giorni prestano l’importante servizio al campo.

Pensiamo che sia davvero molto importante non trascurare i momenti di animazione dei bambini e degli abitanti dei campi: i paesi non si ricostruiscono solamente riedificando gli edifici storici, abitativi o lavorativi ma anche attraverso la ricostruzione di comunità dove nessuno venga escluso e dove ritrovare nei momenti di socialità una forza in più per reagire alla sciagura del terremoto e alla crisi.

  • Giovedì 7 giugno

Dopo il pomeriggio di raccolta materiali per i terremotati promosso dalla Rete Solidale il 6 giugno , si stanno iniziando a delineare alcune dinamiche che vogliamo riportare in queste poche righe. Innanzitutto abbiamo registrato e confermato l’enorme risposta che la cittadinanza mantovana ha dato all’iniziativa lanciata dalla Rete Solidale: in pochi giorni è stato possibile raccogliere un gran quantitativo di materiale che è stato poi puntualmente consegnato presso i campi che lo avevano richiesto.

L’azione ha avuto successo non solo grazie al canale contro-informativo Informati!Mantova, ma sopratutto grazie alle condivisioni, alle newsletter dei vari gruppi cittadini e grazie al passaparola tra vicini e amici: diverse sono state le occasioni in cui una persona si è presentata con “la spesa” fatta da più famiglie e poi messa in comune. Il tessuto solidale della città (e hinterland) non solo esiste ancora, ma cresce e si rafforza nel vivo di queste iniziative, intessendo proficue relazioni con nuove realtà. L’idea nata spontaneamente dal basso ha dato la possibilità di impegnarsi in prima persona .

Nella bassa mantovana, al pari degli emiliani, la gente è  coraggiosa e determinata: tra i nostri vari obiettivi futuri ci sarà sicuramente quello di supportarli qualora gli venissero imposte decisioni dall’alto senza ascoltare le loro necessità reali. Diciamo questo anche perché dal modenese arrivano notizie sempre più preoccupanti di imprenditori e multinazionali che sarebbero pronti a sfruttare il fenomeno tellurico per delocalizzare la produzione aggiungendo altra disperazione a quella di un popolo già provato; un popolo di lavoratori, italiani e migranti, che ha perso tutto e al quale vogliamo essere vicini in tutto e per tutto.

Oggi abbiamo fatto una nuova tappa al campo di Pegognaga dove abbiamo portato diversi libri e giochi per l’infanzia per bambini di varie età e altri pennarelli per colorare e materiali per l’animazione.

Abbiamo consegnato aiuti anche al campo di Gonzaga dove rispetto ai primi giorni dell’emergenza, la situazione si è stabilizzata

Il campo di Gonzaga

anche grazie all’aiuto dei numerosi volontari. In queste zone sono numerose le famiglie di lavoratori agricoli, tra i quali molti migranti, che, avendo perso la casa, hanno dovuto trovare asilo nelle tende messe a disposizione dal Comune e dalle associazioni locali.

Domani 8 giugno terremo aperto il magazzino dalle 15.30 alle 18.30 (attenzione orario diverso) sempre al civico 12 di Via Bettinelli presso la sede del Prc: raccoglieremo altro materiale non solo per il mantovano (dove fortunatamente i magazzini dei campi ora sono ben forniti) ma con un occhio particolare su Cavezzo (MO) dove le Brigate di Solidarietà Attivà stanno (auto)gestendo alcuni campi di sfollati.

La lista aggiornata di quello che serve è:

CIBO:

– minibrick con succo di frutta o the freddo

– crackers

– merendine

– tonno, mais, fagioli, piselli e scatolame vario

– alimenti per celiaci

– omogeneizzati

-biscotti

MATERIALI PER L’IGIENE E LA PULIZIA

– autan, off, o altri antizanzare

– salviette umidificate

– alcol

– detersivo lavatrice e ammorbidente

– gel igienizzante mani (tipo amuchina)

– asciugamani

Parte del materiale raccolto il 6 giugno e consegnato a Gonzaga

– spazzole

– guanti

– schiuma da barba

– pettini

– forbici

VESTIARIO: 

– ciabatte da doccia

ALTRI MATERIALI:

– tende

– torce elettriche (e rispettive batterie)

– materassini gonfiabili da campeggio

– cancelleria (colori, rotoli di carta, fogli vari, pennelli, tempere, pastelli, matite, ecc)

– spugne

– gazebo

  • Mercoledì 6 giugno

Oggi una nuova apertura della Rete Solidale presso il “magazzino” ospitato da Rifondazione in Via Bettinelli 12 a Mantova (zona stazione) dalle 16:30 alle 19:30. Sono richiesti, specialmente da Gonzaga, cibi a lunga conservazione come: sgombro, fagioli, conserva e acqua; caffè solubile/orzo, scope e giochi per bimbi 0-6 anni, cancelleria per animazione Servono inoltre coperte,biancherìa. Continua la raccolta di cibo e farmaci per cani e gatti (e animali domestici di piccola taglia). Solidarietà dal basso!

  • Martedì 5 giugno

Parte del materiale raccolto lunedì 4 giugno

La solidarietà, quando è autorganizzata dal basso in modo spontaneo, ha una valenza particolare. È con questa convinzione che è nata la Rete Solidale: un’iniziativa che ha visto la partecipazione di un centinaio di cittadini che hanno donato e raccolto in due soli pomeriggi quattro macchinate intere di materiali e beni consegnati direttamente nei campi degli sfollati sorti nei paesi della bassa mantovana colpiti dal sisma.

Riportiamo due note sulla situazione al momento della consegna.

A Pegognaga, nel campo sorto presso gli impianti sportivi, la situazione è in mano all’amministrazione, alle associazioni e alla protezione civile. Sono stati inoltre già organizzati incontri con alcuni psicologi per dare assistenza agli abitanti maggiormente colpiti emotivamente dal sisma. La nuova scossa di domenica sera ha creato malori e qualche tensione per il respingimento di cittadini impauriti ma con la casa agibile, deciso dalla protezione civile.

Ieri pomeriggio sono stati consegnati giocattoli, cancelleria e simili utili per l’animazione dei bambini della quale si occupano diversi giovani educatori della zona.

A Mogliac’è il campo sfollati più grande del mantovano. Qui si trova la centrale operativa della protezione civile e il centro smistamento materiali per diversi campi vicini. Qui sono stati consegnati materiali igienizzanti per pavimenti e superfici, coperte, tende, materassini, cibo e pannolini. La rigidità delle regole imposte dalla protezione civile arriva a lasciare fuori dal campo anche anziani terrorizzati che “formalmente” hanno la casa agibile.

Consegna materiale a Moglia

Nel piccolo campo di Quistello sono ospitate circa un centinaio di persone: l’assistenza è fornita dalla croce bianca, dalla protezione civile e dalla Caritas. Quest’ultima ha organizzato nel proprio magazzino un centro di smistamento materiali per i campi di Gonzaga, San Giacomo delle Segnate, Poggio Rusco e San Benedetto Po: sono state quindi consegnate le derrate alimentari raccolte nel pomeriggio di lunedì (in particolare cibo per i bambini, omogeneizzati e simili), i cuscini per le brandine, le casse d’acqua, bagnoschiuma, saponi e coperte. Per quanto sia una realtà più piccola, qui si entra ed esce solo con badge identificativo.

Scriviamo queste poche righe per dare un contributo “dal basso” alla narrazione della realtà dei campi e per testimoniare i progressi fatti nella solidarietà attiva ai terremotati: nei prossimi giorni, cercheremo di stendere un report più dettagliato della situazione a partire da quello che osserviamo sul campo. Al momento abbiamo ancora diverso materiale immagazzinato e non sono arrivate ulteriori

Magazzino Caritas a Quistello

necessità specifiche dai campi: comunicheremo tramite gli aggiornamenti nuove richieste e aperture del centro di raccolta. Sabato molto probabilmente partirà una nuova spedizione verso il canile di Mirandola (o Cavezzo, ancora da definire). Nel frattempo ci stiamo organizzando, cercando una collaborazione con l’Arci Provinciale di Mantova di costruire un intervento culturale/ricreativo all’interno dei campi stessi a partire da musicisti, dj, insegnanti di yoga etc. per riuscire a rompere la monotonia e dare supporto a chi vive nei campi.

  • Domenica 3 giugno

L’iniziativa Rete solidale, nata per aiutare le popolazioni della Bassa colpite dal terremoto prosegue. Dopo l’ottimo risultato ottenuto con la prima apertura del centro raccolta che ha avuto come risultato la consegna di un’intera macchinata di materiale al campo sfollati di Pegognaga, lunedì 4 giugno il centro di raccolta presso il circolo del Prc in via Bettinelli 12 (zona Stazione) sarà aperto dalle 16:30 alle 19:30 per immagazzinare materiale da consegnare ai campi di Quistello, San Giacomo delle Segante, Poggio Rusco, San Benedetto Po e Moglia.

Di seguito la lista dei beni richiesti direttamente dai campi:

Una parte del materiale raccolto destinato al campo di Pegognaga

Asciugamani

Sacchi a pelo

tende

materassini

sacchi per la spazzatura

disinfettanti/ candeggina

spazzolini da denti

biancheria

cibo per bambini (omogeneizzati)

bacinelle

detersivi (poco)

lamette barba,

cuscini

acqua

Sono appena rientrate le attiviste che questa mattina si sono recate presso il canile di Mirandola. Ai volontari della struttura è stato consegnato il carico di due automobili che comprende: un quintale circa di croccantini per cani e gatti, diversi sacchi di pane secco, 40 kg di scatolette di carne, 60 kg di lettiere e decine di confezioni di medicinali tra cui Cardotek per gatti , antiparassitari e spray antipulci. Al canile si sono radunati volontari da diverse zone, tra cui Mantova: una situazione che ha incuriosito gli ospiti a quattro zampe che cercavano coccole e affetto. In futuro verranno organizzate altre spedizioni verso Mirandola.

Attiviste al canile di Mirandola

Richieste dal canile:

garze

collari antipulci (per cani e gatti)

liquidi per pulire le orecchie

palette e sacchetti (anche semplici cazzuole)

cassettine per lettiere

IN PIU’: cibo per piccoli animali d’appartamento (uccellini, criceti, furetti )

  • Sabato 2 giugno

Ieri sera la prima consegna: una macchina colma di aiuti tra coperte, materiale igenico-sanitario, libri/giochi per bambini etc. raccolte in un pomeriggio è stata consegnata al campo di Pegognaga.

La situazione è tranquilla ma la paura è ancora tanta.

Stiamo allargando la “rete” per portare anche diversi tipi di aiuto (intrattenimento/animazione) e allargarlo anche ad altri campi.

Domani mattina due macchine partiranno per il canile di Mirandola a portare cibo e farmaci.

Lunedì altra apertura in Via Bettinelli 12, dalle 16.30 alle 19.30 per fare raccolta di materiali. Entro domani una nuova lista di beni richiesti direttamente dal/dai campo/i.

Per informazioni/adesioni/disponibilità per aperture e macchinate: informati.mantova@gmail.com

  • Venerdì 1 giugno

E’ stato allestito un centro di raccolta materiali da portare nelle zone colpite dal sisma: pasta, giocattoli per i più piccoli, materiale igienico, coperte. L’inziativa, nata dall’impegno attivo dei cittadini e gruppi di Mantova ha visto in poche ore la partecipazione di decine di persone che hanno contribuito donando una grande quantità di materiale! Per maggiori info leggi l’articolo “Rete Solidale un aiuto attivo da Mantova

Annunci
6 Responses “Rete Solidale” →

  1. carla stanghellini

    4 giugno 2012

    ottima e apprezzabile iniziativa!

    Rispondi

  2. mentore1968@virgilio.it

    5 giugno 2012

    state facendo un lavoro onesto e prezioso. Bravi.

    Rispondi
4 Trackbacks For This Post
  1. Campagna di solidarietà e aiuto alle popolazioni colpite dal sisma

    […] In città, inoltre, sono attivi altri punti di raccolta promossi dalla rete solidale e da Informati!Mantova. Info su aperture e materiali raccolti in altri punti della città si trovano qui […]

  2. Rete Solidale – Appunti di un mese di attività « Informati!Mantova

    […] Chi siamoContattiI!Mn VisualProjectRete Solidale RSS  Iscriviti:  RSS feed Informati!Mantova Controinformazione di Mantova e provincia […]

  3. Rete Solidale – Appunti di un mese di attività | eQual

    […] colpito la bassa mantovana ed emiliana, proviamo a tracciare il bilancio di trenta giorni di Rete Solidale, a raccontare cosa abbiamo visto/sentito/registrato e ad abbozzare alcune prospettive future. Il […]

  4. Un PO scossi: musica, spettacoli e buona cucina per ricostruire insieme « Informati!Mantova

    […] Chi siamoContattiI!Mn VisualProjectRete Solidale RSS  Iscriviti:  RSS feed Informati!Mantova Controinformazione di Mantova e provincia […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: